La guerra alla pipė di Parigi

| Sono entrati in servizio i primi quattro Uritrottoir, orinatoi hi-tech che secondo i parigini deturpano il paesaggio

+ Miei preferiti
Quando una grande città incontra la pipì dei turisti, per la grande città non c’è speranza. Sembra una battuta, parafrasando la celebre massima di un western, ma ovunque ci siano masse turistiche in movimento, quello diventa un problema vero che è meglio tentare di risolvere, perché quando quella scappa non c’è niente che possa fermarla.

A Parigi, non a caso una di quelle città dove il turismo non si ferma mai, estate o inverno che sia, da tempo pensano a come arginare “l’ondata gialla” della gente che sciama e quando sfiora un angolino meno trafficato, orina senza pietà. 

L’ultima idea, figlia dei “pissoirs” di fine Ottocento, di cui è appena partita la sperimentazione, si chiama “Uritrottoir”, e sono degli orinatoi hi-tech dall’aspetto tutto sommato discreto, che però hanno immediatamente alzato le proteste. In tanti - quelli che probabilmente hanno un bagno comodo nelle vicinanze - li trovano antiestetici e così brutti da deturpare il sacro paesaggio parigino. Senza contare la presa di posizione del gruppo femminista “Femmes Solidaires”, che attraverso la portavoce Gewndoline Coipeault sostiene che siano creati sul presupposto sessista che gli uomini non siano in grado di controllare la vescica.

Dei quattro installati finora, uno è stato sistemato lungo la Senna, sull’Île Saint-Louis, a poca distanza dalla cattedrale di Notre Dame: in pratica a pochi metri dal percorso dei battelli che percorrono la Senna.

Gli Uritrottoir sono cubi di colore rosso alti all’incirca un metro con una composizione floreale nella parte superiore e riempiti di paglia per produrre un composto che può essere utilizzato come concime ma soprattutto per essere del tutto inodori.

Galleria fotografica
La guerra alla pipė di Parigi - immagine 1
La guerra alla pipė di Parigi - immagine 2
La guerra alla pipė di Parigi - immagine 3
La guerra alla pipė di Parigi - immagine 4
La guerra alla pipė di Parigi - immagine 5
Viaggi & Resort
Le compagnie aeree si attrezzano per ripartire
Le compagnie aeree si attrezzano per ripartire
All’aeroporto di Dubai, la Emirates impone un esame del sangue ai passeggeri prima dell’imbarco, mentre la Ethiad sta per installare punti di controllo medico obbligatorio
L'ammutinamento del Norwegian Spirit
L
Al terzo porto saltato, i passeggeri di una nave da crociera diretta nel nord Europa hanno inscenato una protesta. Oltre a lamentare un itinerario diverso da quello acquistato, tanti problemi con il cibo e le cabine
Jill Paider, la donna con la valigia
Jill Paider, la donna con la valigia
L’invidiabile capacitā di una fotografa professionista che gira il mondo per lavoro usando soltanto un trolley da cabina
Truck Surf Hotel, la casa dei surfisti
Truck Surf Hotel, la casa dei surfisti
Ideato da una coppia di surfisti, attraversa le cose del Portogallo a caccia di onde. A bordo posto per 10 persone
Dubai Square, lo shopping-tech
Dubai Square, lo shopping-tech
Sarā il pių grande centro commerciale del mondo, grande quanto 100 campi di calcio. Fra centinaia di negozi decine di spazi, arene, teatri, acquapark e tanta tecnologia di ultima generazione
"Stop turisti e immigrati nell'Isola di Pasqua"
"Stop turisti e immigrati nell
Il turismo di massa minaccia l'ambiente e la cultura Rapa-Nui. Il sindaco favorevole a una chiusura totale, il Cile ha invece deciso misure restrittive ma giudicate "inefficaci"
Il viaggio di Julia e Tracy
Il viaggio di Julia e Tracy
La prima č una donna sudafricana di 80 anni, la seconda una Toyota Corolla del 1997: insieme hanno affrontato per intero le strade del continente africano per raggiungere Londra e prendere un tč. Ma la regina Elisabetta non era in casa
Un giorno da Super Mario
Un giorno da Super Mario
L’attrazione pių amata di Tokyo? Noleggiare un kart, vestirsi come i personaggi della saga di “Super Mario” e gettarsi nel traffico
Cerro Gordo, la ghost town in vendita
Cerro Gordo, la ghost town in vendita
Quello che un tempo era un villaggio di frontiera della California divenuto celebre per una ricca miniera oggi esaurita, č in vendita in blocco: 22 edifici fra cui un saloon e un albergo, a 925mila dollari
Gli angeli della Cascate del Niagara
Gli angeli della Cascate del Niagara
Č stata inaugurata da pochi giorni una zipline che permette un volo d’angelo sul celebre salto d’acqua americano-canadese