Come vendere l’acqua del bagno (e vivere felici)

| È l’idea di Belle Delphine, nome d’arte di una star di Instagram che ha deciso di confezionare e vendere l’acqua della vasca in cui fa il bagno. Un successo clamoroso

+ Miei preferiti
Si chiama Belle Delphine, è una “cosplayer”, definizione che indica chi vive indossando i panni di personaggi specifici (nel suo caso i manga giapponesi), ma soprattutto una celebrità di Instagram, con 4,1 follower a cui non risparmia contenuti provocatori. Ma con l’ultima trovata, la figliola ha forse capito l'ultima e definitiva regola del marketing: perfino il riciclo, può diventare una fortuna.

Belle Delphine si è messa a vendere online l’acqua in cui fa il bagno: confezioni personalizzate in plastica andate come il vento malgrado i 30 dollari richiesti per qualcosa che sarebbe stato destinato alle fogne, e invece diventato motivo di guadagno. Nella confezione, un solo avviso, per quanto difficile da interpretare: non si tratta di acqua da bere, ma da utilizzare per “scopi sentimentali”.

Galleria fotografica
Come vendere l’acqua del bagno (e vivere felici) - immagine 1
Come vendere l’acqua del bagno (e vivere felici) - immagine 2
Come vendere l’acqua del bagno (e vivere felici) - immagine 3
Web
UE: in un anno
raddoppiati i cyberattacchi
UE: in un anno<br>raddoppiati i cyberattacchi
Nuovi dati svelano che il fenomeno è in crescita esponenziale anche in Europa. Governi e polizie di tutto il mondo aumentano i controlli e promettono guerra alle organizzazioni criminali
Verso la fine della web revolution
Verso la fine della web revolution
I colossi della Silicon Valley sono sempre più impegnati nel mostrare i muscoli ai paesi che pretendono regole e tasse. Se tutti si mettessero d’accordo, come sembra stia accadendo, per i social sarebbero tempi duri. Ma non solo per loro
La guerra dei social
La guerra dei social
Dopo la “cacciata” di Trump, i colossi prendono di mira pagine e profili che inneggiano alla violenza, e il popolo del “MAGA” emigra ovunque trovi spazio
La rete informatica di Austin usata per mesi dagli hacker russi
La rete informatica di Austin usata per mesi dagli hacker russi
Secondo alcuni report dell’intelligence americana, sembra che almeno due gruppi di hacker russi si siano infiltrati nella rete della città del Texas, usandola come punto di partenza per attacchi cibernetici
Nuova Zelanda, la Borsa vittima di un cyberattack
Nuova Zelanda, la Borsa vittima di un cyberattack
Per quattro giorni, le reti del New Zealand’s Exchange hanno registrato un attacco cibernetico assai sofisticato partito dall’estero. Governo e intelligence in allarme
19 gennaio 2038, arriva l’apocalisse degli smartphone
19 gennaio 2038, arriva l’apocalisse degli smartphone
Eredi della paure dell’anno 1000, il Millennium bug del 2020 e l’analogo problema riscontrato all’inizio di quest’anno sarebbero sciocchezze in confronto alla catastrofe che dovrebbe capitare ai nostri sistemi digitali tra meno di 18 anni
Trump nel mirino di Anonymous
Trump nel mirino di Anonymous
Il collettivo internazionale di hacker si schiera al fianco dei rivoltosi americani e accusa il presidente Trump di far parte della rete pedofila di Jeffrey Epstein
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Quattro dipendenti licenziati per atteggiamenti critici verso l’azienda hanno aperto il caso: il colosso che aveva fatto segnare nuovi traguardi nei rapporti con i dipendenti, accusato di attività antisindacale
Buon compleanno Internet!
Buon compleanno Internet!
Dapprima fu un singolo collegamento tra due università, quindi permise il trasferimento di semplici dati e informazioni, a volte anche in modo sbagliato, ma in cinquant’anni la piccola rete Arpanet è diventata il web di oggi
Intere città ostaggio degli hacker
Intere città ostaggio degli hacker
L’ultimo fenomeno di pirateria informatica è bloccare completamente i servizi di città: ne sanno qualcosa oltre 170 centri americani, dal 2013 vittime di hacker