I ginecologi contro le terapie di Gwyneth Paltrow

| Una donna canadese è stata ricoverata d’urgenza per gravi ustioni dopo una sauna vaginale, una delle idee lanciate su “Goop”, il sito di e-commerce dell’attrice. Contro la pratica è arrivato l'anatema dei ginecologi

+ Miei preferiti
Contro le “saune vaginali” di Gwyneth Paltrow si è scagliato il “Journal of Obstetrics and Gynaecology” canadese, che ha messo in guardia sull’uso del prodotto lanciato dall’attrice californiana attraverso il suo sito di e-commerce “Goop”. La sauna vaginale, imitata da diverse dive di Hollywood, e pubblicizzata come altamente purificante e in grado di aiutare l’infertilità, regolarizzare il ciclo mestruale e aumentare il desiderio sessuale, ha costretto al ricovero una donna canadese di 62 anni, di cui non è stato rivelato il nome, che ha riportato ustioni di secondo grado nelle parti intime dopo essersi sottoposta al trattamento della Paltrow. La donna, che accusava un prolasso genitale per cui era già fissato un intervento chirurgico, si era rivolta ad un medico cinese che assicurandole un sollievo l’aveva sottoposta al trattamento: il risultato sono state delle gravi e dolorosissime ustioni di secondo grado che hanno costretto la donna ad un ricovero immediato.

Nell’articolo che affronta la sauna vaginale, i ginecologi hanno espresso forti preoccupazioni per la pratica, ricordando che la vagina produce batteri che fungono da protezione, e l’eccessivo calore può togliere equilibrio alla flora e al Ph.

Gwyneth Paltrow, classe 1972, Oscar nel 1999 per “Shakespeare in Love”, da anni ha ridotto la sua attività cinematografica per dedicarsi anima e corpo a “Goop”, un sito partito come semplice newsletter di consigli che vende online rimedi di medicina alternativa, molti dei quali considerati come pericolosi dalla comunità scientifica internazionale.

Web
Nuova Zelanda, la Borsa vittima di un cyberattack
Nuova Zelanda, la Borsa vittima di un cyberattack
Per quattro giorni, le reti del New Zealand’s Exchange hanno registrato un attacco cibernetico assai sofisticato partito dall’estero. Governo e intelligence in allarme
19 gennaio 2038, arriva l’apocalisse degli smartphone
19 gennaio 2038, arriva l’apocalisse degli smartphone
Eredi della paure dell’anno 1000, il Millennium bug del 2020 e l’analogo problema riscontrato all’inizio di quest’anno sarebbero sciocchezze in confronto alla catastrofe che dovrebbe capitare ai nostri sistemi digitali tra meno di 18 anni
Trump nel mirino di Anonymous
Trump nel mirino di Anonymous
Il collettivo internazionale di hacker si schiera al fianco dei rivoltosi americani e accusa il presidente Trump di far parte della rete pedofila di Jeffrey Epstein
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Quattro dipendenti licenziati per atteggiamenti critici verso l’azienda hanno aperto il caso: il colosso che aveva fatto segnare nuovi traguardi nei rapporti con i dipendenti, accusato di attività antisindacale
Buon compleanno Internet!
Buon compleanno Internet!
Dapprima fu un singolo collegamento tra due università, quindi permise il trasferimento di semplici dati e informazioni, a volte anche in modo sbagliato, ma in cinquant’anni la piccola rete Arpanet è diventata il web di oggi
Intere città ostaggio degli hacker
Intere città ostaggio degli hacker
L’ultimo fenomeno di pirateria informatica è bloccare completamente i servizi di città: ne sanno qualcosa oltre 170 centri americani, dal 2013 vittime di hacker
Il mistero della Youtuber scomparsa
Il mistero della Youtuber scomparsa
Di Marina Joyce non si sa più nulla da giorni: sul suo conto giravano voci strane da tempo
Boram, la piccola miliardaria coreana
Boram, la piccola miliardaria coreana
È una delle più acclamate e seguite star sudcoreane di YouTube, con oltre 30 milioni di abbonati. Di recente ha acquistato una lussuosa proprietà di cinque piani a Seoul
UK: muore una celebre Youtuber
UK: muore una celebre Youtuber
Emily Hartridge, 35 anni, ha perso la vita in un incidente con un camion a poca distanza da casa sua
Fermate Zuckerberg, prima che sia tardi
Fermate Zuckerberg, prima che sia tardi
Chris Hughes, ex braccio destro del fondatore di Facebook, ammonisce: troppo potere nelle mani di una sola persona che può decidere di oscurare chi vuole. Va controllato, arginato e disarmato togliendogli Instagram e Whatsapp