Intere città ostaggio degli hacker

| L’ultimo fenomeno di pirateria informatica è bloccare completamente i servizi di città: ne sanno qualcosa oltre 170 centri americani, dal 2013 vittime di hacker

+ Miei preferiti
Non solo semplici cittadini o aziende, ma intere città tenute in ostaggio da hacker senza scrupoli. È un fenomeno, la più avanzata forma di ricatto digitale, quella che per giorni ha tenuto sotto scacco alcune località come Lake City e Riviera Beach, in Florida, la Jackson County in Georgia e ben 22 piccoli centri del Texas, negli Stati Uniti, costretti a pagare un riscatto compreso da 400 a 600mila dollari perché email, telefoni e servizi essenziali come biblioteche, scuole, tribunali e vigili urbani ripartissero. Un caos che ha costretto a scendere in campo la Guardia Nazionale, che in attesa di trovare le contromisure necessarie ha invitato tutti gli uffici pubblici a fare un backup dei dati da conservare offline.

C’è chi non cede, come la città di Baltimora, che lo scorso maggio è stata vittima di un attacco coordinato da parte di hacker e ha deciso di non cedere al ricatto, impiegando mesi a ripristinare servizi che sono rimasti inaccessibili ai cittadini per lungo tempo. Una testardaggine costata parecchio: gli hacker volevano 76mila dollari per fornire il codice in grado di fermare il virus, la città mentre ha speso 5,5 milioni. Stessa sorte toccata ad Atlanta: 51mila dollari la richiesta, 17 milioni il conto per non cedere ai ricattatori.

Atlanta e Baltimora rappresentano un’eccezione e un precedente inquietante, perché finora il fenomeno era stato circoscritto ai piccoli centri, dove i sistemi informatici sono meno sofisticati rispetto a quelli delle grandi città.

Secondo alcune stime, dal 2013 ad oggi circa 170 comuni americani sono stati vittime degli attacchi informatici, per massima parte partiti dall’Europa dell’Est, ma ben 22 di questi si sono verificati quest’anno. E l’incubo ancora peggiore è l’approssimarsi delle elezioni presidenziali americane del 2020.

Web
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Quattro dipendenti licenziati per atteggiamenti critici verso l’azienda hanno aperto il caso: il colosso che aveva fatto segnare nuovi traguardi nei rapporti con i dipendenti, accusato di attività antisindacale
Buon compleanno Internet!
Buon compleanno Internet!
Dapprima fu un singolo collegamento tra due università, quindi permise il trasferimento di semplici dati e informazioni, a volte anche in modo sbagliato, ma in cinquant’anni la piccola rete Arpanet è diventata il web di oggi
Il mistero della Youtuber scomparsa
Il mistero della Youtuber scomparsa
Di Marina Joyce non si sa più nulla da giorni: sul suo conto giravano voci strane da tempo
Boram, la piccola miliardaria coreana
Boram, la piccola miliardaria coreana
È una delle più acclamate e seguite star sudcoreane di YouTube, con oltre 30 milioni di abbonati. Di recente ha acquistato una lussuosa proprietà di cinque piani a Seoul
UK: muore una celebre Youtuber
UK: muore una celebre Youtuber
Emily Hartridge, 35 anni, ha perso la vita in un incidente con un camion a poca distanza da casa sua
Fermate Zuckerberg, prima che sia tardi
Fermate Zuckerberg, prima che sia tardi
Chris Hughes, ex braccio destro del fondatore di Facebook, ammonisce: troppo potere nelle mani di una sola persona che può decidere di oscurare chi vuole. Va controllato, arginato e disarmato togliendogli Instagram e Whatsapp
…e libera il web dal male
…e libera il web dal male
Tim Berners-Lee, per il trentesimo anniversario della sua creazione, ha espresso dubbi sull’uso che governi, aziende e pirati informatici fanno della rete. L’inventore di internet ha affermato che cercherà in ogni modo di salvare il web
I social? Una minaccia alla democrazia
I social? Una minaccia alla democrazia
Sono parole di Carole Cadwalladr, la giornalista investigativa che lo scorso anno ha fatto esplodere lo scandalo di “Cambridge Analytica”
Macchinari usati: in Italia è boom
Macchinari usati: in Italia è boom
Si amplia sempre di più il concetto di e-commerce, che ha raggiunto una significativa quota per trattori, escavatori e gru
Collection #1: il più grande furto di password della storia
Collection #1: il più grande furto di password della storia
È stata svelata da poco l’esistenza di enormi database che conterrebbero svariati milioni di indirizzi email e password. Rischi altissimi di furti: il modo per verificare i propri dati. Controlla qui le tue mail