Wikipedia, il buio prima del voto

| Dalle prime ore di questa mattina, le pagine italiane dell’enciclopedia online sono disattivate. Una protesta che nei giorni scorsi ha colpito le pagine di diversi paesi europei

+ Miei preferiti
Le pagine italiane di Wikipedia, la celebre enciclopedia online nata nel 2001, sono state oscurate per alzare il livello di attenzione sul voto di riforma del copyright previsto per martedì 26 marzo. In una nota, Wikimedia, l’associazione che sostiene la libera enciclopedia, ha comunicato che “Dalle 8:00 di questa mattina, per 24 ore, le voci di Wikipedia in lingua italiana non saranno accessibili, ma rimanderanno ad un banner informativo sulla riforma del diritto d’autore, in vista del voto in plenaria del Parlamento europeo. La comunità si è schierata nuovamente a favore di un’azione forte di protesta, volta a far sapere al maggior numero possibile di cittadini come la nuova Direttiva potrà influire negativamente sulla libertà di espressione e la partecipazione online. Altre 4 piattaforme di Wikipedia, in tedesco, slovacco, ceco e danese sono state oscurate per li stessi motivi nella giornata di giovedì 21 marzo. Oggi sono unite quelle in catalano, gallego asturiano e italiano, mentre sabato 23 marzo si sono svolti in tutta Europa cortei di protesta contro le restrizioni alla Rete introdotte dalla Direttiva".



“Nell’iter di approvazione della normativa, diversi europarlamentari e mezzi di informazione hanno taciuto sui dubbi di migliaia di persone e organizzazioni, limitandosi a magnificare i punti che faranno piacere ad alcuni degli attori in gioco ha commentato Maurizio Codogno, portavoce di Wikimedia Italia - ora, con un testo definitivo che nella parte relativa all’obbligo di nuove licenze è ancora peggiore, la strategia scelta è evitare del tutto di parlarne. Il silenzio di Wikipedia è la risposta a questo silenzio. Wikimedia Italia invita tutti ad attivarsi a sostegno dell'azione dei volontari, scrivendo o contattando i nostri rappresentanti in Parlamento europeo, per invitarli a non votare a favore di una riforma che porrà forti limitazioni alla diffusione della conoscenza aperta e alla libertà di espressione in Rete”.

Galleria fotografica
Wikipedia, il buio prima del voto - immagine 1
Web
Trump nel mirino di Anonymous
Trump nel mirino di Anonymous
Il collettivo internazionale di hacker si schiera al fianco dei rivoltosi americani e accusa il presidente Trump di far parte della rete pedofila di Jeffrey Epstein
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Google, l’ex paradiso che oggi licenzia
Quattro dipendenti licenziati per atteggiamenti critici verso l’azienda hanno aperto il caso: il colosso che aveva fatto segnare nuovi traguardi nei rapporti con i dipendenti, accusato di attività antisindacale
Buon compleanno Internet!
Buon compleanno Internet!
Dapprima fu un singolo collegamento tra due università, quindi permise il trasferimento di semplici dati e informazioni, a volte anche in modo sbagliato, ma in cinquant’anni la piccola rete Arpanet è diventata il web di oggi
Intere città ostaggio degli hacker
Intere città ostaggio degli hacker
L’ultimo fenomeno di pirateria informatica è bloccare completamente i servizi di città: ne sanno qualcosa oltre 170 centri americani, dal 2013 vittime di hacker
Il mistero della Youtuber scomparsa
Il mistero della Youtuber scomparsa
Di Marina Joyce non si sa più nulla da giorni: sul suo conto giravano voci strane da tempo
Boram, la piccola miliardaria coreana
Boram, la piccola miliardaria coreana
È una delle più acclamate e seguite star sudcoreane di YouTube, con oltre 30 milioni di abbonati. Di recente ha acquistato una lussuosa proprietà di cinque piani a Seoul
UK: muore una celebre Youtuber
UK: muore una celebre Youtuber
Emily Hartridge, 35 anni, ha perso la vita in un incidente con un camion a poca distanza da casa sua
Fermate Zuckerberg, prima che sia tardi
Fermate Zuckerberg, prima che sia tardi
Chris Hughes, ex braccio destro del fondatore di Facebook, ammonisce: troppo potere nelle mani di una sola persona che può decidere di oscurare chi vuole. Va controllato, arginato e disarmato togliendogli Instagram e Whatsapp
…e libera il web dal male
…e libera il web dal male
Tim Berners-Lee, per il trentesimo anniversario della sua creazione, ha espresso dubbi sull’uso che governi, aziende e pirati informatici fanno della rete. L’inventore di internet ha affermato che cercherà in ogni modo di salvare il web
I social? Una minaccia alla democrazia
I social? Una minaccia alla democrazia
Sono parole di Carole Cadwalladr, la giornalista investigativa che lo scorso anno ha fatto esplodere lo scandalo di “Cambridge Analytica”