Atomik, la vodka di Chernobyl

| Realizzata distillando acqua e cereali della zona proibita, non presenta tracce di radioattività ed è nata per dare una mano a zone dimenticate

+ Miei preferiti
Chernobyl, o quel che ne resta, è di gran moda: la miniserie prodotta dalla HBO, che racconta i mesi successivi al disastro del 26 aprile 1986, quando uno dei reattori della centrale nucleare “V.I. Lenin” esplose, causando uno dei più catastrofici incidenti della storia, è stata un enorme successo che è servito a riaccendere i riflettori sulla quella parte dell'Ucraina settentrionale. A Chernobyl nel tempo sono state dedicate canzoni, romanzi, documentari e videogiochi: all’appello mancava solo qualcosa di più palpabile, come una vodka, perché no.

Per colmare il vuoto, un gruppo di scienziati dell’Università di Portsmouth capitanati dal professor Jim Smith, ha creato la “Atomik”, la prima vodka realizzata utilizzando acqua e grano di segale provenienti dalla zona proibita di Chernobyl. Lo scopo, più che puramente commerciale, è sociale: dimostrare che la zona non è da dimenticare e al tempo stesso contribuire economicamente verso le comunità che ancora soffrono per la sciagura. “La domanda che si fanno tutti è se la vodka sia radioattiva, e la risposta è no. Tutto quello che abbiamo raccolto dalle campagne di Chernobyl è stato distillato, e le impurità restano negli scarti”.

Per l’occasione è nata la “Chernobyl Spirit Company”, che ha invitato la facoltà di chimica dell’Università di Suothampton ad analizzare la “Atomik” per avere la conferma matematica: non c’è traccia di radioattività.

Al momento, la Atomik è prodotta in una sola bottiglia, ma entro la fine dell’anno dovrebbe essere pronta la prima produzione di 500 pezzi.

Wine
Champagne e patatine, grazie
Champagne e patatine, grazie
Una delle massime dirigenti della “Moët & Chandon”, ha svelato il segreto: il miglior abbinamento per il celebre spumante francese è con il piatto tipico dello street-food
Come ti imbottiglio la Loren
Come ti imbottiglio la Loren
Una birra in edizione limitata celebra il nome della celebre attrice, ma soprattutto ringrazia il florido mercato italiano
Che vino vuole? "Un calice di blu"
Che vino vuole? "Un calice di blu"
Il primo della storia a snobbare bianco e rosso arriva da una start up spagnola: dopo aver vinto la battaglia con le normative europee, è ormai pronto per conquistare i mercati
Cercasi assaggiatori di birra
Cercasi assaggiatori di birra
Un birrificio londinese cerca con urgenza personale da assumere: l'unico compito è bere birra, con un orario di lavoro che si limita a tre ore a settimana
Moscato Rap, oh yeah
Moscato Rap, oh yeah
Hanno iniziato Jay-Z e Beyoncé, contagiando decine di colleghi fino a trasformare il vino dolce piemontese nel #1Drink in Hip Hop
Gli inglesi contro il Prosecco
Gli inglesi contro il Prosecco
Malgrado i grattacapi della Brexit, in Gran Bretagna è in atto una campagna diffamatoria verso l'italianissimo Prosecco, amato in tutto il paese. Ma forse il motivo è proprio questo